* * * COMUNICAZIONE DI SERVIZIO * * *

Informo che la pubblicazione di nuove interviste è al momento sospesa a causa del poco tempo a disposizione per seguire il blog come meriterebbe, mi dispiace...
Invito comunque gli utenti a navigare sulle pagine alla ricerca di interessanti interviste, ad esempio questa (postuma) a Mario Giacomelli.

Mi scuso per l'inconveniente con gli affezionati lettori e (spero) a presto!
Ricerca personalizzata

giovedì 25 novembre 2010

Fotografi nel web #140: Domenico (Nico) Castaldo





Domenico (Nico) Castaldo: chi è?
Consulente informatico con mille passioni, tra cui lo sport praticato, la lettura e la musica, tanto per citarne qualcuna, ma tra tutte spicca la fotografia che mi ha sempre affascinato. Mi ricordo che già da bambino, sfogliando riviste e libri, venivo attratto fortemente delle immagini che spesso mi suscitavano meraviglia ma non riuscivo a capirne il motivo. E’ stata forse la curiosità verso queste sensazioni che mi ha poi spinto a provare ad esprimermi in quest’arte. Non è per me un lavoro, e sono contento che non lo sia perchè altrimenti credo perderebbe molto del suo fascino. Ho provato a fotografare in situazioni come matrimoni o feste ma non amo questo genere, anzi ho scoperto che quasi mi irrita il dover fare le cose in fretta, dover correre dietro agli sposi o al festeggiato, per non perdere l’anello, il bacio, la torta, ecc... Mi soddisfa, invece, tantissimo pensare ad un’immagine, cercare la situazione o il momento per realizzarla, cercare la persona giusta o andare in cerca del luogo più adeguato, oppure scegliere una location e aspettare, anche per ore, che succeda qualcosa di interessante da immortalare.

 
Quando hai iniziato a fotografare?
Come ho detto, ho da sempre covato la passione per la fotografia, ma le prime esperienze le ho avute intorno ai vent’anni. Scattavo con una Pentax ME Super, che conservo tuttora perfettamente funzionante, e che mi ha accompagnato per diversi anni e per migliaia di foto con cui ho riempito scatoloni ora sepolti in garage. Da un po’ di tempo mi ripropongo di riaprirli per vedere se c’è qualcosa di buono, ma l’impresa sarebbe titanica e credo che non lo farò mai.

 
Quale genere ti piace maggiormente fotografare?
Non c’è un genere che prediligo in maniera particolare, tutto mi emoziona e tutto vorrei fotografare.

 
Hai fatto qualche corso di fotografia?
Nessun corso per ora, ma tanti libri letti quando ero più giovane.

 
Quali sono i fotografi del passato e del presente che più apprezzi?
Dovrei fare un lungo elenco solo per i grandi che con le loro fotografie mi hanno deliziato e meravigliato; mi limito a citare Cartier Bresson e Doisneau. Tra gli attuali non può mancare Gianni Berengo Gardin, che ho "conosciuto" recentemente al Med Photo Fest di Catania. Poi vorrei citare Ionesco, Avedon, Salgado e Ray.

 
Che attrezzatura fotografica hai usato nel passato, e quale stai attualmente utilizzando?
La mia prima (e ultima) analogica è stata la Pentax ME Super che usavo con un 50 fisso e un tele 70-200. Poi, dopo un lunghissimo periodo in cui la fotografia era solo un pensiero, ho ripreso a fotografare all’albore del digitale con una compatta Canon Powershot A40, scelta tra tante perchè offriva la possibilità di scattare in manuale. Infine, circa tre anni fa, si è rifatta avanti la voglia di fotografare e ho acquistato una Reflex digitale Canon 400D, che ho sostituito recentemente con una Canon 50D che utilizzo, per ora, con un obiettivo 17/70-2.8/4.5 e un zoom 70/300-3.5/5.6.

 
Quali sono gli scatti ai quali sei particolarmente legato?
Ce ne sono alcuni che mi hanno dato molte soddisfazioni per i consensi che hanno ricevuto come "Migrazione" e "L’attimo prima", entrambi pubblicati su 1x.com...





...e poi "PNV" che e’ stato pubblicato sulla rivista Potpourri.


Ad altri, invece, nonostante non abbiano suscitato interesse, sono legato perchè rappresentano quello che è per me la fotografia ("Leggere e Volare", "Geometrie Urbane 9" e altri della serie Geometrie).






Quali sono i tuoi progetti attuali e quali quelli per il futuro?
Non ho al momento progetti attivi, anche se ho mille idee in testa. Molte di queste sono difficili da realizzare per l’impegno che richiedono, sia economico che in termini di tempo, ma non dispero di riuscire a concretizzarne qualcuna.

Hai mai esposto le tue immagini in mostre fotografiche personali o collettive?
Ho all’attivo alcune collettive la cui ultima è stata “Convergenze” con altri bravissimi fotografi tra cui Zefram.

Hai mai avuto riconoscimenti in concorsi fotografici o pubblicazioni delle tue foto su libri o riviste?
Non ho mai proposto i miei lavori a riviste specializzate e partecipo molto raramente a concorsi, e quindi l’unica mia foto che ho avuto il piacere di veder pubblicata, come ho già detto, è PNV sul numero 17 della rivista Potpourri, consultabile on-line.

Quanto tempo dedichi alla fotografia?
Sicuramente molto meno di quanto vorrei. Ne dedico pochissimo alla lavorazione in post. Preferisco fare qualche scatto in più che stare davanti al PC a rendere presentabili gli scatti mal riusciti.

Quando rivedi i tuoi vecchi scatti cosa pensi?

Che attualmente non sono soddisfatto di ciò che faccio come non lo ero prima. Certo, vedo che la differenza tra i vecchi scatti e gli attuali è sostanziale per qualità e tecnica, ma di strada ne ho ancora molta da percorrere.

Dove sono pubblicate, sul web, le tue foto?
Nel sito provvisorio http://nicodcastaldo.wix.com/nicocastaldo, nella mia pagina personale su Facebook, sui più importanti siti di fotografia e molto presto nel sito che sto ultimando www.nicocastaldo.it

Un pensiero a chi si avvicina ora al mondo della fotografia.
Non credo di essere la persona giusta per esternare pensieri e dare consigli, ma se proprio devo direi che la fotografia può dare soddisfazione a qualunque livello la si faccia, di non lasciarsi scoraggiare dalle difficoltà iniziali e di avere pazienza perché i risultati, piccoli o grandi, quando c’è la passione, arrivano. Non è importante dimostrare agli altri quanto si è bravi ma è importante godere di ciò che si riesce a realizzare. Una cosa che raccomando vivamente è di evitare di fotografare i disagi e le malattie altrui solo per fare colpo.
 


Fotografie: © Domenico (Nico) Castaldo

Vuoi concludere con un saluto o un ringraziamento?
Devo ringraziare in particolare: Zefram, Alberto Gianfranco Baccelli e Alessandro Casola che direttamente e indirettamente mi hanno trasmesso tantissimo del loro sapere sulla fotografia e l’arte. Devo ringraziare molti amici con cui in questi ultimi anni ho condiviso, anche solo virtualmente, questa bellissima passione perché grazie anche ai loro commenti e suggerimenti ho imparato tante cose sulla fotografia e la tecnica. Non posso non ringraziare tutte le persone che con la loro pazienza, posando per me, mi hanno dato l’opportunità di realizzare tante immagini a me molto care; a tal proposito un ringraziamento particolare va a Giulia Facioni, e per ultimo ma non ultimo, un grosso grazie va a te, Libero, per lo spazio che mi hai concesso in questo fantastico Blog.



Le interviste ai "Fotografi nel Web" sono una rubrica del blog: Dentro al Replay

9 commenti:

  1. Ciao Nico, un piacere conoscere qualche cosa di piu' di te, molte foto le avevo gia' apprezzate, anche io sono un informatico e ho impugnato una Pentax Me Super.

    Ciao.

    enrico (ventrix)

    RispondiElimina
  2. Beh...un saluto a te e alle tue geometrie!
    Ciao!
    gigi bianconi

    RispondiElimina
  3. Ho letto con molto piacere la tua intervista caro Nico e ho ammirato la bella selezione delle tue opere che hai proposto.
    Complimenti e saluti!
    Saro

    RispondiElimina
  4. Fausto Germanò26 novembre 2010 16:26

    Una carrellata di immagini straordinarie, sfogliate con piacere leggendo la bella intervista.
    Riapri gli scatoloni e fruga tra i vecchi negativi, ti accorgerai che è come un viaggio all'incontrario, dove troverai storie, personaggi, luoghi a volte dimenticati. Pezzetti di vita vissuta che di sicuro ti appassionerà riportare alla luce. Io l'ho fatto e continuo a farlo con grande piacere.
    Qualcuno ti dirà che sono solo vecchie fotografie, ma vorrà dire che non ha capito niente, perchè confonde le fotografie con i prodotto usa e getta del consumismo, da far vivere solo il tempo di uno sguardo.
    Un saluto e tanti complimenti,
    Fausto

    RispondiElimina
  5. Mi è piaciuto leggere di te e di come vivi la fotografia con passione ed impegno. Molte delle tue foto, tutte stupende, le conoscevo già attraverso MicroMosso ma non posso non riguardarle con piacere ogni volta che ne ho la possibilità: belle quelle in Bw, belle quelle a colori. Le tue geometrie ed i tuoi controluce hanno un che di particolare, una sorta di "firma".
    Bravissimo!
    Con stima,
    Susanna Bertoni

    RispondiElimina
  6. Bravo, Nico, mi ha fatto piacere leggere di te ed ammirare le tue foto selezionate... Anch'io penso che dovresti aprire gli scatoloni, ri-scoprirai, mille e mille emozioni... e dal momento che da quello che mi pare di capire anche per te è importante percorrere la strada della fotografia, una fermata sul tuo trascorso fotografico non può che far bene!!!
    Anche una breve sosta!!!
    Ciao è stato un piacere... bravo
    Alberto Castro

    RispondiElimina
  7. Luigi Esposito5 dicembre 2010 17:27

    Ciao Nico, ho letto con piacere l'intervista per saperne di più di un caro amico! Ho visto anche qualche foto che finora non avevo avuto il piacere di ammirare.
    Leggere di te mi ha dato anche una conferma della persona schietta, leale e trasparente.
    Un abbraccio ed alla prossima ma senza aspettare il prossimo LPDF!!! Ciaooo

    RispondiElimina
  8. E' un grande piacere leggervi, cari amici. Grazie infinite a tutti.
    Nico

    RispondiElimina
  9. Mi piace molto quello che hai detto.. e condivido..
    Ale

    RispondiElimina