* * * COMUNICAZIONE DI SERVIZIO * * *

Informo che la pubblicazione di nuove interviste è al momento sospesa a causa del poco tempo a disposizione per seguire il blog come meriterebbe, mi dispiace...
Invito comunque gli utenti a navigare sulle pagine alla ricerca di interessanti interviste, ad esempio questa (postuma) a Mario Giacomelli.

Mi scuso per l'inconveniente con gli affezionati lettori e (spero) a presto!
Ricerca personalizzata

martedì 14 settembre 2010

Fotografi nel web #126: Saro Di Bartolo



Saro Di Bartolo: chi è?
Sebbene la fotografia abbia avuto, ed anche oggi ha, un ruolo importante nella mia vita, non mi considero un professionista. Mi definisco un "fotoamatore evoluto". La fotografia continua ad essere un divertimento per me. Anzi, mentre sento dire a molti amici professionisti che col passare degli anni non si divertono più, per me è il contrario, fotografare mi piace sempre di più.

Quando hai iniziato a fotografare?
Sono cresciuto negli Usa e a 12 anni ho avuto in regalo una "box camera", una scatolina nera di bachelite dal nome "Kodak Brownie". Siccome non riuscivo a capacitarmi del fatto che più mi avvicinavo ai ranocchi più le foto venivano "brutte", misi da parte la favolosa somma di $1.25 e comprai una pubblicazione determinante per il percorso della mia vita. Non si trattava de "Il Giovane Holden" (oggi definito "romanzo di formazione"), bensì di "Photography - A Golden Handbook", il "Manuale d'Oro della Fotografia”. Un librettino più piccolo di una mano con 160 pagine di dogmi intramontabili. Lo conservo ancora oggi e, anche se non lo consulto più, ogni tanto lo sfoglio con tenerezza, lo coccolo un po' e poi, per non farlo sentire inutile, leggo un paragrafetto qua e là. Fu così che scoprii che bastava anteporre gli occhiali da vista di mia madre ad una determinata distanza dalla lente frontale ed il ranocchio per magia diventava nitido.
Il "salto di qualità" ebbe luogo qualche anno dopo. Sebbene fossi solo un ragazzino avevo capito che quello che era successo era una cosa molto brutta, ma ne ebbi la dimensione reale solo quando mio padre portò a casa "Life". Gli emigrati italiani non compravano "Life". Insieme alle foto del funerale di John F. Kennedy entrarono in casa mia e nel mio mondo un genere di immagini in b&n che non avevo mai visto prima e la curiosità fu davvero tanta. E' iniziato tutto da lì e poi col tempo sono divenuto via via appunto un "fotoamatore evoluto".

Quale genere ti piace maggiormente fotografare?
La risposta immediata è landscape e fotografia naturalistica in genere. Adoro fotografare gli animali, ma hanno il grosso difetto di non collaborare, cosa che li accomuna ai bambini, con la differenza che almeno con quest'ultimi un compromesso lo puoi raggiungere. Ho una grande passione pure per l'architettura e l'archeologia. Una cosa di cui pochi sono al corrente è che ho una ricca raccolta di foto dei luoghi ludici del mondo greco-romano, creata in oltre due decenni insieme a mio figlio Luca, architetto e fotografo: teatri ed anfiteatri nei luoghi più diversi del Mediterraneo e dell'Europa, un buon numero dei quali sono stati utilizzati per importanti opere editoriali.



Una cosa che accomuna landscape e architettura è appunto che "collaborano". Mi spiego meglio. Sebbene l'esperienza mi abbia insegnato, se necessario, a scattare in un nullasecondo senza stare tanto a meditarci sopra, quando posso mi piace invece studiare la composizione con calma. Sono un gran precisino, maniacale nella cura delle linee e la fretta non aiuta. Paesaggio ed architettura di solito non hanno fretta e non ti fanno fretta... e senza fretta si può anche attendere le giuste luci, nuvole, ecc... Detto questo, devo aggiungere che di indole sono una persona estremamente curiosa e fin da quando ho iniziato a fotografare sono sempre stato un fotografo "irrequieto". Come chi conosce le mie foto sa, mi impegno un po' in tutti i generi. Da giovane, nelle fasi del sacro fuoco fotografico, dormivo con un block notes sul comodino. Mi capitava di addormentarmi elaborando un'idea per una foto da creare per poi svegliarmi in piena notte e buttare giù due appunti. A quell'epoca ero segretario del Fotoclub Rimini ed era il periodo dei primi concorsi e dei primi riconoscimenti. Penso che l'unico modo per sentirsi un fotografo completo è di intraprendere un sentiero che passa attraverso i più diversi mondi di quest'arte e poi magari specializzarsi nel genere in cui si è più portati, in cui si ottengono i risultati più lusinghieri. Acquisita una certa padronanza con una determinata tipologia di fotografia, iniziare a sperimentarne un'altra... e poi ricominciare ancora ed ancora. Con questo non voglio sminuire la figura del bravissimo fotografo che dedica tutta la vita ad una particolare tipologia di fotografia e ne diventa maestro. Al contrario, è proprio attraverso un tale percorso che molti sono diventati poi dei grandi. Nonostante gioco con le macchine fotografiche da ormai 50 anni, credo in un certo senso di non essere ancora uscito da quella fase di ricerca, continuo a fare esperimenti, a mettermi in gioco. Una mattina mi sveglio con la voglia di fare qualche macro, l'indomani seguire una gara di moto o la sera un evento musicale. Credo che ormai sarò sempre così... e la cosa non mi dispiace affatto.

Hai fatto qualche corso di fotografia?
Purtroppo no. Dico purtroppo, perché fino a non molti anni fa non vi era la diffusione che troviamo oggi di corsi, workshop e meeting di varia natura. Ad esclusione di chi magari viveva in una grande città, con associazioni o circoli di una certa valenza, l'unica scuola era comprarsi un buon libro e sperimentare da sé le tecniche illustrate. A ciò si poteva aggiungere l'acquisto dei libri di fotografia dei grandi maestri del passato e contemporanei. La scuola da me più frequentata è stata quella mensile del National Geographic: la mia raccolta, di cui vado orgogliosissimo, parte dal 1974... equivalente a parecchi metri di giallo! Da autodidatta su una pagina dell'apposito e sempre presente quaderno a quadretti tracciavo delle righe verticali da formare delle colonne di varia larghezza, 7 per la precisione. Nella prima colonna scrivevo i numeri da 1 a 38 e poi intestavo le altre 6 con le seguenti scritte ed in questo ordine: Soggetto - Tempo - Diaframma - Focale - Meteo - Commento. Quest'ultima era la colonna più larga dove, ritirate ed esaminate le diapositive, per ciascuna scrivevo le mie conclusioni. Cercando di fare tesoro dell'informazione acquisita, imparavo così che con quel certo tipo di paesaggio, con quel determinato genere di illuminazione, necessitava una sovraesposizione di due diaframmi... e così via. A titolo di curiosità e come qualcuno ricorderà, 38 (e non 36), poiché agganciando la pellicola proprio in cima si riusciva a "rubare" due fotogrammi.

Quali sono i fotografi del passato e del presente che più apprezzi?
Qui il discorso rischia di diventare lunghissimo. Tra gli italiani che più apprezzo: Mario De Biasi, Mimmo Jodice, Gian Paolo Barbieri e il mio conterraneo Ferdinando Scianna. Adoro, e come non potrei, Sebastião Salgado, Steve McCurry e James Natchwey. Tra i "classici" apprezzo W. Eugene Smith, Edward Weston e Margaret Bourke-White. Volendomi soffermare su paesaggio e natura, genere a me molto caro, in cima colloco due leggende del b&n, Ansel Adams e John Sexton, poi tra gli altri americani David Muench, William Neill e Macduff Everton e i più giovani (relativamente) John Shaw e il coloratissimo Michael Fatali. Sempre nel paesaggio e reportage di viaggio amo gli inglesi David Noton, Charlie Waite e David Henderson, quest'ultimo grande pure nell'architettura. Notevole l'architettura del canadese Robert Polidori e quella in b&n del britannico Michael Kenna. Per quanto riguarda gli animali, il grandissimo Art Wolfe.
Nel 2005 un mio scatto fu scelto per un calendario-agenda che conteneva pure una foto di Muench, Shaw, Fatali e Wolfe ed il fatto di esserci, "insieme" a loro, fu per me motivo di grande orgoglio.

Che attrezzatura fotografica hai usato nel passato, e quale stai attualmente utilizzando?
La mia prima macchina seria fu una Zeiss Ikon Contaflex Super B con Zeiss Tessar 50 mm. 2.8, Zeiss Pro Tessar 35mm. 3.2 e Zeiss Pro Tessar 115mm. 4. Era una reflex rivoluzionaria per l'epoca in quanto aveva il dorso intercambiabile. L'affiancai poi con una Canon Ftb, cui seguirono via via sempre Canon: F1, A-1, T90, e diverse Eos analogiche. In quanto ad ottiche, le più svariate. Come 6x6 una Rolleiflex classica e 2 corpi Rollei SL66 basculante con tre ottiche Zeiss ed accessori. Ora fotografo con tre corpi: una 550D che monta un 24-105 4L e due 350D che montano rispettivamente un 10-22mm 3.5-4.5 e un 70-200mm 4L, più una versatile Powershot S5IS.

Qual è lo scatto al quale sei particolarmente legato?
Ogni volta che mi viene posta questa domanda me la cavo con la frase "La mia foto preferita è quella che devo ancora scattare". In verità ne ho tante che amo molto, ma c’è uno scatto a cui sono maggiormente legato, non perché sia necessariamente il migliore, ma perché è quello a cui devo di più. Nel 1993 mi permise di ricevere il mio riconoscimento più prestigioso. La United Airlines mi assegnò il 1° premio all’"International Travel Photography Grand Prize", un concorso dove parteciparono 15.000 concorrenti da tutto il mondo, con oltre 40.000 immagini.



Quali sono i tuoi progetti attuali e quali quelli per il futuro?
Se tutto va secondo quanto previsto - sempre dire se - sto progettando un lungo viaggio in auto attraverso la Turchia, che prevede una visita abbastanza estesa del paese, comprendendo i percorsi meno turistici. E' un paese che conosco abbastanza bene essendovi stato già sei volte. E’ stato però molti anni fa, ben prima che diventasse turistico, quindi spero sia possibile estrapolarvi delle immagini di sapore ancora genuino. Per il futuro: portare avanti il mio progetto fotopittura-futurismo e in genere continuare a viaggiare e a fotografare.

Hai mai esposto le tue immagini in mostre fotografiche personali o collettive?
Ho esposto in oltre 20 sedi, e sono state quasi esclusivamente mostre personali:
"Continente Anatolia" – 1993
"Dal Mar Nero al Mar Rosso" – 1993
"Mer – Dire il mare, dire le genti" – 1994
"Lo Sguardo della Prua" – 1994
"Rimini …in voga" – 1995
"Torre delle Ore – Fotografia, Poesia e Musica" – La Poesia di Mario Luzi – 1996
"Portfolio in Piazza" – 1996
"Rimini raccontata dai suoi fotografi" – 1996
"Namibia – Ultima Frontiera del Capricorno" – 1996
"Appunti" – 1998
"Frammenti di Natura" – 2001
"Il Racconto di Rimini" – 2002
"Splash – Water for Life" – 2006
"Immagini d’Autore – 50 Finestre sul Mondo" – 2006
"Personale – Opere in Mostra" – 2007
"Rocce e Granelli" – "Incontro Con l’Autore" – 2009







Hai mai avuto riconoscimenti in concorsi fotografici o pubblicazioni delle tue foto su libri o riviste?
Oltre al premio della United Airlines citato prima, di riconoscimenti ne ho avuti pure altri:
• RAI3 ha dedicato uno spazio di presentazione delle mie foto nel corso del programma "Mediterraneo", andato in onda sabato 10 Aprile 2010.
• Il Ministero del Turismo della Repubblica di Turchia, in occasione del suo "Premio Fotografico Internazionale", mi assegnò il "Environment Award", Premio per l’Ambiente.
• Il Cd-Rom "Turismo Culturale in Emilia Romagna", di cui sono ideatore ed autore delle foto, vinse il 1° Premio al 12° Festival Internazionale del Film e Cd-Rom Turistico di Varese, cui parteciparono 26 paesi.
• Collaborazione al volume "Giò Pomodoro – Ornamenti 1954-95", presentato alla Biennale di Venezia e al "Fashion Institute of Technology Museum" di New York.
• Ho vinto il 1° Premio al Concorso Fotografico Nazionale "Turismo & Attualità" di Roma, nel 1998 e 2000.
• Vincitore nel 2001 della IX edizione del "Posidone, Rassegna Mediterranea di Cultura ed Ambiente" - Premio Cultura, Fotografia
• Insieme a mio figlio Luca, architetto e fotografo, ho realizzato le immagini per la "Guida d’Autore – Il Racconto di Rimini" di Giampaolo Proni, edito da Itacalibri nel 2002.
• L’antica istituzione britannica "Universities Federation for Animal Welfare" mi ha assegnato la copertina dell’edizione 2003-2004 del proprio Annual Report, "Science in the Service of Animal Welfare", pubblicazione diffusa alla comunità scientifica di tutto il mondo.
• Nel 2004, su invito del "Centro per la Fotografia della Repubblica di San Marino" due mie opere sono state acquisite per il "Museo dell’Immagine", accanto a maestri quali Ken Damy, Mario De Biasi, Larry Fink, Franco Fontana, Art Kane, Pete Turner, etc..
• Dopo una severa eliminatoria a Los Angeles, fu scelta una mia foto per l’edizione 2005 del prestigioso "Inner Reflections Calendar". Opera che vede protagonisti i migliori fotografi di natura del mondo, vincitore di 55 Medaglie d’Oro.
• Insieme ad altri tre fotografi, i maestri internazionali Mike Goldwater, Tim Fitzharris e Fabrizio Ferri, nel 2006 ho esposto su invito a "Emporio 31" di Milano nella mostra SPLASH – Water for Life. Iniziativa promossa da AMREF – African Medical and Research Foundation – con lo scopo benefico di raccogliere fondi per la costruzione di pozzi per l’acqua potabile nelle zone più aride dell’Africa.
• Nel 2006 e 2007 ho partecipato con le mie immagini alle opere monumentali "I Colossei nel Mondo" e "Theatra" pubblicati da Cosmopoli, Roma.






Miei articoli e immagini sono apparsi su testate tra cui: "Geo Travel Magazine" – "la Repubblica" – "Sweet Life" – "Bell’Italia" - "Airone" - "Gazzetta dello Sport" – "Motosprint" – "Hemispheres" - "Max" - "Capital" - "Resto del Carlino" – "Nautica" – "Chiamami Città" - "Partiamo" – "Dove" - "Corriere di Rimini" - "Qui Touring" – "Crescita Turismo" – "Hellonews" – "I Viaggi" - "Turismo & Attualità" – "La Maison/Lifestyle".





Tra le mie realizzazioni e collaborazioni più importanti e più recenti:
• "Zagami Escultura" - Venezuela
• "Magiche Trasparenze – Le Vetrate Antiche", di Franco Dall’Ara, insieme a mio figlio Luca
• la collana in cofanetto "Guide ai 7 Musei della Provincia di Rimini"
• la brochure "11 Parole al Sole" per il Comune di Rimini
• il catalogo operativo "Hallo" del Convention Bureau della Riviera di Romagna
• i cataloghi "Città d’Arte", "Golf", "Mare", "Agriturismo", "Terme", "Appennino" per APT Emilia-Romagna
• i cataloghi "Rimini Riviera" e "Le Valli dei Malatesta" per la Provincia di Rimini
• il depliant "Adriatic Golf Club", Cervia
• il volume "Tesori d’Arte e di Fede" – Regione Emilia Romagna
• la brochure "Liuteria Classica Migani"
• i volumi "Urbino e Altre Meraviglie", "Itinerari Gastronomici nelle Terre di Urbino" per il Comune di Urbino
• le news-letter mensili della Regione Emilia Romagna "IN-Regione – Comunicazione Internos"
• il volume "Musei in Emilia Romagna" dell’IBC, Istituto Beni Artistici, Culturali e Naturali
• la raccolta "Cartoline" per il Comune di Verucchio
• la documentazione fotografica per la mostra sul futurista Gogliardo Ossani per il Comune di Riccione
• Una serie di copertine per le edizioni Franco Angeli.










Quanto tempo dedichi alla fotografia?
Il mio lavoro, quello "vero", non mi permetteva di dedicare alla fotografia tutto il tempo che avrei voluto. Di professione sono stato consulente e formatore nel turismo, progettista multimediale ed interprete, assistendo tra l’altro George Bush e Mikhail Gorbaciov, Henry Kissinger, Christiaan Barnard, Sting, ed innumerevoli personalità della politica, dell’economia e della stampa. Tutto ciò mi ha permesso di viaggiare e quando mi muovevo per lavoro avevo sempre con me la macchina. Così, se potevo, aggiungevo magari un giorno o due dedicato a fare qualche scatto. Adesso invece posso rifarmi e dedicarmi alla foto quanto desidero... e lo desidero molto! Sia a casa che viaggiando, oggi fotografo parecchio. Scatto, seleziono e poi lavoro in PS. Inoltre, aggiorno l'archivio in diapositiva: rivisito immagini già catalogate e ne esamino altre alla luce delle possibilità di miglioramento e trasformazione oggi offerte dalla post produzione.

Raccontaci un episodio curioso o simpatico legato alla tua esperienza.
Il primo che mi viene in mente riguarda uno scatto che non ho fatto. Pomeriggio d'inverno, una nebbia fittissima sommerge la vasta e vuota spiaggia di Rimini, fitta al punto da riuscire a vedere appena la risacca e non oltre. Decido di sfidarla e fare una passeggiata lungo il bagnasciuga. Tra poco farà buio, vista l'impossibilità di fotografare per via della nebbia e convinto che tanto non vi sia nulla da fotografare, lascio la reflex ben custodita nel suo solito angolino del bagagliaio. Quasi per magia, in un punto appena oltre la riva si dirada a chiazze la nebbia e dal nulla più totale eccoli apparire: tre elefanti che giocano nell'acqua insieme al loro addestratore. Ecco una scena totalmente felliniana e subito una serie di scatti onirici che partono a raffica nella mia mente: forse le foto più belle che non ho mai fatto. Il Circo Orfei si era installato nei pressi e l’addestratore aveva portato le bestiole a sgranchirsi le zampe! Morale: non recarti mai su un spiaggia nebbiosa senza macchina fotografica!

Quando rivedi i tuoi vecchi scatti cosa pensi?
Tante cose. In genere posso dire che li rivedo sempre con molto piacere. Ho un archivio vastissimo accumulato in quarant’anni, non oso nemmeno provare a fare una stima. Pur non ricordando ogni singola foto mi ricordo le situazioni, gli avvenimenti ed i contesti degli scatti. Così succede che rivista una foto so spesso quali immagini la seguono e la precedono. Non ritengo vi sia nulla di prodigioso in questo e quindi nessun vanto, si tratta soltanto di processi che la mente mette in atto in automatico. Tornando alla domanda cosa penso, i sentimenti sono misti e variano col variare della foto. La fotografia è stata ed è una parte così grande ed importante della mia vita che di conseguenza penso a tutto il suo scorrere, rivedo la mia vita. Provo quindi gioia e nostalgia, piacere e dolore, penso al passato, ai luoghi che ho visto e visitato, alle persone che ho incontrato e conosciuto. Andando meno sul sentimentale, vedendo qualche vecchio scatto mi capita persino di ricordarmi del tempo di posa che avevo scelto... o di pensare alle foto che non ho fatto. Mi spiego meglio. Quando da giovane scattavo in diapositiva e come molti dovevo "fare i conti coi conti" (ogni singolo click costava un tot), era regola fare più inquadrature prima di decidere quale o quali foto scattare. Ecco, io me ne ricordo pure parecchie cui dovetti rinunciare per non sforare il budget!

Dove sono pubblicate, sul web, le tue foto?
Oltre che nel mio sito personale http://www.sarodibartolo.it/ pure in un buon numero di altri luoghi, il più rappresentativo dei quali è MicroMosso. Tra le altre presenze ci sono pure: abc-fotografia, flickr, fotocommunity, fotoincontro, fotoclublegru.

Un pensiero a chi si avvicina ora al mondo della fotografia.
Consideratevi dei privilegiati ad essere entrati in questo meraviglioso mondo nell'epoca del digitale e scattate, scattate, scattate, ma fatelo con intelligenza, sforzandovi sempre a capire cosa avete fatto, cosa state facendo e cosa potete fare per migliorare. Pur avendo in alta considerazione la fotografia analogica, penso che quanti siano nati fotograficamente nell'era digitale siano infatti per molti versi fortunati. Per sapere come erano venute le foto di un viaggio o come era andata una sessione in sala da posa, dovevamo aspettare che la signora Kodachrome e le sue amiche tornassero dal laboratorio di sviluppo, cosa che per noi non-professionisti significava attese molto lunghe, specie nei tempi più lontani. Quante meraviglie poi si possono fare oggi coi programmi di post produzione. Ricordo quando me ne stavo in camera oscura con un pennellino a colorare un minuscolo rettangolo di pellicola ortocromatica, con cui poi creare un sandwich insieme alla dia originale... da poi rifotografare. Oppure quando per renderne più saturi i colori riprendevo le diapositive col relativo duplicatore... tanto per fare solo due esempi. Come è vero che per fare una foto piacevole sotto il punto di vista della composizione ci vuole occhio, è vero anche che affidandosi agli automatismi è difficile sbagliare un’esposizione. Concentratevi sull’inquadratura ma senza trascurare la tecnica. Oggi potete scattare e verificare subito cosa avete capito e cosa non, correggete e riprovate all'infinito. Ripeto, scattate quanto più potete... tanto oggi la pellicola è gratis!








Fotografie: © Saro Di Bartolo


Vuoi concludere con un saluto o un ringraziamento?
Il primo ringraziamento va alla mia compagna, che è pure la mia bravissima compagna di scatti, insieme ed in armonia viaggiamo e fotografiamo. Perfezionista più di me, mi consiglia sempre con competenza. Ringrazio mio figlio Luca, fotografo pure lui, di cui vado molto orgoglioso. E’ il più spietato a bastonare le mie foto, ma più che per questo lo ringrazio di avere seguito le mie orme e di farlo con grande abilità e serietà.
Chiudo con un sincero ringraziamento a Libero Api che mi ha dato quest’opportunità di raccontarmi in maniera libera e completa.


Le interviste ai "Fotografi nel Web" sono una rubrica del blog: Dentro al Replay

20 commenti:

  1. Ciao Saro, che posso dirti?
    Un abbraccio pieno di complimenti e di stima!

    Gianni Mazzesi

    RispondiElimina
  2. un saluto, Saro e complimenti
    Enrico Gori

    RispondiElimina
  3. Complimenti!!
    un saluto
    Alessandro Grasso

    RispondiElimina
  4. Orgoglioso di essere tuo cugino, ciao Saro

    Giovanni

    RispondiElimina
  5. Caro Saro, sono sempre più ammirato dai tuoi affascinanti scatti felpati.

    Mx

    RispondiElimina
  6. Caro Saro ~ Dear Saro,
    This is such a wonderful post and interview!
    I have visited your website often to see your amazing photographs ~
    In my quiet little corner, I can visit amazing places around the world, see exotic animals and look into the eyes of distant people.
    Thank you for sharing your wonderful talent ... and for being an inspiration!

    I am so proud and honored to know you as friend and cousin ~
    Maria

    RispondiElimina
  7. Manuela da Ancona15 settembre 2010 06:59

    Al mio avventuroso e pacifico amico, auguro sempre un milione di scatti meravigliosi!
    Manuela

    RispondiElimina
  8. Sapevo già che eri un grande, con questa intervista ho scoperto e ammirato altri aspetti della tua vita.
    Ciao Giovannino

    RispondiElimina
  9. Preziosissimo Saro che gioia poter vedere tutto insieme il tuo lavoro e avere anche la possibilità attraverso le interviste di conoscerti meglio. Sei bravissimo e le tue foto spesso mi sembrano poesie... un abbraccio affettuoso e un caro saluto da Giusy Garozzo

    RispondiElimina
  10. Lo si legge nei tuoi interventi in micromosso, ci si conferma in questo bel racconto.
    Mi pare che in questo caso la "grande persona" fa il "grande fotografo".
    Un caro saluto.
    gigi bianconi

    RispondiElimina
  11. Ciao Saro, un abbraccio pieno di stima ed amicizia.

    nino gullotta

    RispondiElimina
  12. Saro...che dire??? che cosa aggiungere...?
    I do not quite agree on postproducion but I am positively sure you are gifted
    I have just thrown my new Nikon in the bin... and its all your fault!!!
    bless you
    elio scandone

    RispondiElimina
  13. Avete scritto tutti delle parole piene di affetto e di stima,
    e siete stati tutti fin troppo generosi.

    Ed io ora cosa posso rispondere?

    Un immenso GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE!
    Saro

    RispondiElimina
  14. Ciao Zio Saro sono Marvin, abbiamo letto tutti la tua intervista. Davvero molto interessante e bella come tutte le tue foto scattate in giro per il mondo
    (Ogni foto osservata attentamente suscita un emozione particolare e sempre diversa per i colori e le realtà che racconta).
    Su Micromosso.com papà ha trovato la foto del nonno prima della battaglia di El Alamein,è bellissima, l'ha messa infatti come sfondo del desktop.

    Un abbraccio e un saluto dalla famiglia Di Bartolo

    RispondiElimina
  15. Grande Sarò sei un grande.

    Catalina

    RispondiElimina
  16. Marvin e Catalina, le vostre visite e le vostre parole mi regalano molta gioia.
    Un grande grazie ed un grande saluto!
    Saro

    RispondiElimina
  17. Matteo Vikingo T.3 novembre 2012 13:38

    Carissimo e con stima e devozione che ti faccio i miei complimenti ... sapevo già dei tuoi trascorsi con Bush e Gorbaciov ... ma mi hai messo anche Sting uno fra i miei preferiti (musicalmente parlando) la tua vita farebbe invidia a chiunque ... quasi quasi emigro si sa mai che figli o nipoti possano diventare bravi e stimati come te ...
    un saluto Matteo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Nipote scandinavo" Matteo ti ringrazio davvero tantissimo
      delle tue troppo generose parole.
      Tieni ben in mente che la tua amicizia-parentela è motivo di onore per me :-)
      Devo però dire che mi attribuisci doti e meriti che vanno ben oltre il valore della mia persona.

      Pur con alti alti e bassi bassi ho avuto la fortuna di una buona vita
      ed il lavoro mi ha regalato immense emozioni.
      Riguardo Sting, posso dirti che oltre che un grandissimo musicista
      è una persona molto alla mano ed umile.

      Senza poi che stai ad emigrare, magari quando torna il bel tempo ci venite a trovare in Romagna!

      Un caro abbraccio Matteo!
      saro

      Elimina
  18. Ciao Saro, con questa bella intervista ci offri preziosi consigli da uomo saggio e "navigato", spero che chi la legge si fermi a riflettere sulle tue parole, non potrà che trarne vantaggi. Purtroppo a Lucca non ci vedremo, il lavoro e i suoi problemi mi obbligano a restare a Roma, il tempo libero è sempre meno, la fotografia rallentata ai minimi termini, sarà per la prossima occasione. Un caro saluto, Stefano e fam.

    RispondiElimina
  19. In questi casi bisogna dire subito scusami.
    Vergognosamente, non essendo passato da queste parti,
    non mi ero accorto di questo tuo gentilissimo e gradito commento.
    Ringraziandoti, con epocale ritardo, delle tue generose parole nei miei confronti, spero di avere il piacere di vedere incrociare le nostre strade.
    Ogni migliore augurio a te Stefano ed alla tua bella famiglia.
    Saro

    RispondiElimina