* * * COMUNICAZIONE DI SERVIZIO * * *

Informo che la pubblicazione di nuove interviste è al momento sospesa a causa del poco tempo a disposizione per seguire il blog come meriterebbe, mi dispiace...
Invito comunque gli utenti a navigare sulle pagine alla ricerca di interessanti interviste, ad esempio questa (postuma) a Mario Giacomelli.

Mi scuso per l'inconveniente con gli affezionati lettori e (spero) a presto!
Ricerca personalizzata

mercoledì 6 marzo 2013

Fotografi nel web #177: Alberto Scalia



Alberto Scalia: chi è? 
Ho 52 anni e sono di Latina. La mia professione primaria è quella di Grafico e Cartografo presso l’Aeronautica Militare. Ricopro la carica di Vicepresidente per l’Università Popolare Tirrenica delle Scienze Naturali di Latina (UPTSN), per conto della quale ho organizzato nel 2009 il Concorso Internazionale di Fotografia Naturalistica “Istanti di natura – dal Millesimo all’Infinito” (www.uptsn.eu). La fotografia è sempre stata presente nella mia vita dall’età di 20 anni. Nonostante tutti questi anni dedico ancora ad essa quasi tutto il mio tempo libero e con più entusiasmo di allora. I mezzi sono diversi, l’età è diversa ma la soddisfazione di stare da solo davanti ad un tramonto in montagna o dentro un capanno a pochi metri da un animale selvatico è sempre intima ed impagabile. Credo che nella fotografia di natura, ed in particolar modo di paesaggio, ogni foto rappresenti un momento intimo del fotografo in quanto espressione di uno stato d’animo unico ed irripetibile. Se questa sensazione traspare e viene traslata a colui che guarda, allora si tratta di una foto ben fatta. Da questo punto di vista la fotografia di animali è invece più asettica e cronicistica ed esalta maggiormente le capacità tecniche del fotografo.

Quando hai iniziato a fotografare?
Le mie prime fotografie sono state alcune macro fatte nel 1978 all’età di 18 anni. Poi mi sono dedicato all’avifauna ma con un approccio molto amatoriale. Nel 2001 per motivi di salute ho dovuto interrompere l’attività fotografica per alcuni anni e quando ho ripreso ho tratto nuova linfa dalla tecnologia digitale che mi ha aperto orizzonti illimitati.

Quale genere ti piace maggiormente fotografare?
Sono nato come macrofotografo ma oggi amo fotografare ogni forma di vita selvatica, animale o vegetale, e adoro fotografare paesaggi montani, marini e notturni. Un piacere particolare mi viene dai viaggi fotografici con altri amici che condividono la mia passione. Amo soprattutto i paesi del Nord Europa con i loro paesaggi ghiacciati mentre per l’avifauna credo che il Coto Donana, nel Sud della Spagna, sia il massimo in assoluto.

Hai fatto qualche corso di fotografia?
No sono assolutamente autodidatta ma, come in tutti i settori, anche per la fotografia ho sempre cercato di studiare e “rubare” i segreti dei grandi fotografi di oggi e di ieri.

Quali sono i fotografi del passato e del presente che più apprezzi?
Per il passato credo che non esista fotografo paesaggista che non possa dire di amare il grande Ansel Adams che ha veramente tracciato un solco indelebile nella fotografia di natura. Come macrofotografo devo veramente tanto a Ronnie Gaubert, fotografo della Florida oggi purtroppo scomparso. Tra i fotografi di fauna adoro Miguel Lasa ed Art Wolfe. Per i paesaggisti c’e solo l’imbarazzo della scelta: citerò solo Hans Strand, Nick Brandt e John Shaw. Una fotografa molto particolare che adoro è Isabel Diez le cui opere riescono a regalarmi sensazioni come nessun altro.

Che attrezzatura fotografica hai usato nel passato, e quale stai attualmente utilizzando?
Ho scattato le prime foto con una Praktica che rubavo di nascosto a mio padre. Poi ho cominciato ad usare Nikon (EM – Fm2 – F801) come macchine e Sigma come teleobbiettivo. Oggi Uso un corredo misto: Nikon digitale per l’avifauna e Canon, sempre digitale, per i mammiferi ed il paesaggio. Una menzione particolare va ai filtri che se di qualità e se usati bene regalano risultati fantastici. Personalmente uso filtri ND B&W e digradanti LEE.

Qual è lo scatto al quale sei particolarmente legato?
Una foto che mi regala una bella sensazione ogni volta che la guardo è quella di un albero isolato scattata in inverno sul Monte Semprevisa, la vetta più alta della provincia di Latina. Era una foto che cercavo da tempo come composizione. Quel giorno era tutto lattiginoso e così, sovresponendo leggermente il tronco sono riuscito a rendere il pattern della foto tutto uniformemente bianco. In più ci si è messo anche l’albero che rievoca, secondo me, i tronchi animati del Signore degli Anelli, saga a cui sono particolarmente legato. 


Quali sono i tuoi progetti attuali e quali quelli per il futuro?
Attualmente so lavorando ad un progetto che curo da ormai 5 anni per la Provincia di Latina, che si chiama Sistema Naturae, consistente in un database informatico a schede di fauna, avifauna, insetti, fiori, piante, molluschi e funghi, in cui sono presenti centinaia di mie fotografie. Nell’immediato futuro (febbraio 2013) andrò nel Nord della Scozia per fotografate la fauna e i paesaggi ghiacciati delle Highlands e delle coste. E poi probabilmente lavorerò al nuovo concorso di fotografia per l’UPTSN.

Hai mai esposto le tue immagini in mostre fotografiche personali o collettive?
Ho esposto alcune immagini all’interno della Mostra sulla Biodiversità marina “Gemme nel Blu” nel novembre 2009 (www.uptsn.eu). Come già detto ho fornito moltissime fotografie (credo più di 800) al database Systema Naturae della Provincia di Latina (www.systemanaturae-prvlt.net).

Hai mai avuto riconoscimenti in concorsi fotografici o pubblicazioni delle tue foto su libri o riviste?
Pur organizzandoli non amo partecipare ai concorsi fotografici che meriterebbero, secondo me, una regolamentazione che li affranchi dalla totale anarchia in cui versano. Nella mia esperienza di organizzatore ho riscontrato una realtà che non mi è molto piaciuta. All’estero le cose vanno un po’ meglio ma neanche poi tanto e solo per alcuni concorsi. Alcune mie foto sono apparse in articoli giornalistici (La Provincia) ed in alcune pubblicazioni della Arpa Lazio. Ho partecipato alla realizzazione di calendari ed opuscoli vari.

Quanto tempo dedichi alla fotografia?
Molto più di quello che dovrei, nel senso che parecchio sono costretto a toglierlo alla famiglia ed ai figli. Comunque almeno 15-20 ore alla settimana (senza contare quello al PC per la postproduzione)

Raccontaci un episodio curioso o simpatico legato alla tua esperienza.
Mi sono capitati episodi di tutti i tipi, simpatici e meno simpatici. Un fatto per cui rido ancora quando ci penso mi è accaduto quando avevo circa 25 anni ed ero abbastanza pazzo da fare certe cose. Mi ero messo in testa di fotografare gli aironi che sostavano in mezzo ai bufali, animaletti non proprio con un bel carattere, nei pantani del Parco del Circeo. Avevo costruito una bufala fantastica con il fil di ferro e la gommapiuma che pareva vera e a dimensione naturale. Già era una comica vedere una Uno celeste con un bufalo sul tetto. Ma poi è diventato esilarante quando tutti i bufali nell’arco di 1 km hanno deciso di venire a controllare dappresso l’intruso. E poi è diventato un film comico quando sono uscito e per fortuna i bufali sono “esplosi” in tutte le direzioni.

Quando rivedi i tuoi vecchi scatti cosa pensi?
Un po’ di nostalgia senz’altro e la considerazione che non si finisce mai di imparare.

Dove sono pubblicate, sul web, le tue foto?

Un pensiero a chi si avvicina ora al mondo della fotografia.
Si, c’è una considerazione un po’ personale ma che forse potrà essere utile a qualcuno. Nel 2001 ho avuto un grave infortunio che mi ha compromesso parzialmente l’uso della gamba destra. Oggi sono quindi tecnicamente un disabile. Non avrei mai pensato nei giorni delle cure e della convalescenza di poter nuovamente fare foto. Oggi invece con la passione e l’organizzazione riesco a fare tutto quello che facevo prima ed anche di più. Questo per dire che se qualcuno si dovesse trovare in condizioni simili sappia che nulla è impossibile se lo si vuole veramente e che la fotografia, per chi ne ha la passione, può anche essere non la fuga da una situazione difficile ma il modo di crescere e di diventare diversi e forse migliori. Questo per me è stata la fotografia!

 Fotografie: © Alberto Scalia

Vuoi concludere con un saluto o un ringraziamento?
Devo ringraziare innanzitutto mia moglie ed i miei figli per la pazienza con cui sopportano tutto il tempo che sottraggo loro. E poi voglio ringraziare i miei amici Alessandro, Matteo e Raffaella che hanno anch’essi quel briciolo di sana pazzia, e senza dei quali molte delle fotografie che ho scattato probabilmente non esisterebbero.

Le interviste ai "Fotografi nel Web" sono una rubrica del blog: Dentro al Replay

Nessun commento:

Posta un commento