Comunicazione di servizio: il blog non è più attivo e aggiornato dall'11 aprile 2013

Informo che la pubblicazione di nuove interviste è al momento sospesa a causa del poco tempo a disposizione per seguire il blog come meriterebbe, mi dispiace...
Invito comunque gli utenti a navigare sulle pagine alla ricerca di interessanti interviste, ad esempio questa (postuma) a Mario Giacomelli.

Mi scuso per l'inconveniente con gli affezionati lettori e (spero) a presto!
Ricerca personalizzata

giovedì 3 maggio 2012

Fotografi nel web #171: Antonella Catalano



Antonella Catalano: chi è?
Io mi definisco una "appassionata" di fotografia. È come quando ci si innamora... non sai mai quando arriverà l’amore e proprio quando meno te lo aspetti, eccolo che bussa alla tua porta e con una buona dose di perplessità ti lasci andare e inizia un "viaggio". Ho incontrato la fotografia in un momento molto particolare della mia vita, un periodo fatto di alti e bassi, dove erano più i bassi che gli alti. Prendere in mano una macchina fotografica mi ha dato, fin dal primo momento, una bellissima sensazione di libertà! Non posso certo definirmi una fotografa, se con questo termine si sta ad indicare una professione. Con la foto mi diverto, esprimo ciò che ho dentro e cerco di cogliere ciò che mi circonda, rendendolo mio!!! Dopo 12 anni vissuti fuori casa, lontano dalla mia tanto amata Sicilia, rientro nella terra del fuoco e del mare con la voglia di riappropriarmene, di sentire gli odori, i suoni, le percezioni. Attraverso l’obiettivo rivivo ciò che per tanti anni ho percepito come "lontano" e non solo fisicamente e le foto mi aiutano a rompere il ghiaccio e rientrare dentro al mio mondo. Dal buio alla "luce" potrei dire!!! Insieme ad una Canon, nella mia vita è anche arrivato l’amore! Credo che ci sia lo zampino del destino: tu sei ignara e lui fa la sua parte!!!
Chi è Antonella? Antonella è una donna che si definisce ancora "ragazza". Sono una persona molto semplice, mi emoziono come una bimba davanti ad un regalo, un bimbo appena nato, un tramonto sul mare... una collega mi ha definito "complessa", ma sempre meglio che essere complessata! L’onestà è la mia forza! Onestà soprattutto verso me stessa: voglio potermi guardare allo specchio al mattino senza dovermi nascondere dietro la salvietta. Non mi piacciono le persone ruffiane, i finti moralisti o la gente che si nasconde dietro il proprio indice. La canzone che mi rappresenta è Cirano di Guccini. Nella vita tutti dobbiamo affrontare prove quotidiane, problemi e paure e come tutti anche la mia vita mi ha portata a sbattere la testa, ma mai sono scesa a compromessi. Ho sempre scelto la strada più lunga, niente sconti! Antonella è anche fragile sotto la crosta. Tutto questo sono io, tutto questo sono le mie foto!

Quando hai iniziato a fotografare?
Credo che i miei occhi scattino fotografia da sempre!!! Ho una memoria fotografica, ricordo molto bene i particolari di un ambiente che frequento anche da poco, ricordo luoghi visti anche anni prima e gente incontrata per caso. I miei studi mi hanno tenuta allenata in questo. Ho studiato arte per tre anni all’università e mi piaceva davvero tanto. Pittori come Caravaggio, Masaccio, i grandi del rinascimento, l’arte fiamminga... da loro ho imparato che nulla è per caso, che ci sono delle regole di composizione ben precise che rendono equilibrata un’opera. Non dico che le mie foto adesso siano perfettamente equilibrate, ma riconosco sicuramente le imperfezioni che spesso sono tante e allora un po’ me la prendo perché non sempre ciò che vedo poi nella foto è come vorrei che fosse. In questi ultimi mesi ho fotografato tantissimo. Dimenticavo di dire che io ho iniziato a fotografare circa un anno fa! Una cara amica mi ha prestato la sua Canon 350 e da quel giorno, credetemi, non ho smesso più!! Al mercato, a casa, per strada: ogni occasione diventa motivo per dare sfogo a questa grande passione e mi diverto come una matta. Lo possono testimoniare le persone che mi hanno vista all’opera. Appena ho iniziato a fare foto ho anche iniziato a guardarle e dove è possibile ne leggo i commenti. Micromosso per esempio è un sito che frequento molto perchè mi da la possibilità di vedere molte belle foto e di ricevere consigli sugli scatti che pubblico. Attraverso la visione imparo molto e credo continuerò a farlo sempre.

Quale genere ti piace maggiormente fotografare?
Sono in una fase di sperimentazione. Mi cimento in tanti generi, reportage, ritratti, book fotografici di vario genere, matrimoni... ma sono molto convinta di una cosa: nel reportage trovo la mia maggiore inclinazione. Mi piace lo scatto naturalmente "pensato", ma non organizzato in tutto e per tutto. Non potrei, per esempio, fare still life o macro. Il reportage mi permette di "entrare" dentro alle situazioni, al mondo che mi circonda non come spettatore, ma come protagonista e io amo i racconti della gente, le loro storie. Durante i matrimoni che ho avuto la gioia di fotografare mi sono emozionata, divertita, incuriosita e quello che cerco di cogliere è il momento, quello che poi gli sposi non ricordano nemmeno di aver vissuto: uno sguardo, una lacrima, un bambino che fa i dispetti...

Hai fatto qualche corso di fotografia?
Partendo dal presupposto che la scuola migliore è l’esperienza, a questa domanda rispondo si!!! Ho seguito un corso base e uno avanzato presso il centro culturale di fotografia "Spazio Cromatico" a Catania e due corsi di reportage. Ma prima ancora di fare tutto questo mi sono stati preziosissimi i consigli e gli insegnamenti ricevuti dalla stessa persona che mi ha messo in mano per la prima volta una reflex. Mi ha incoraggiata a scattare e di questo le sarò sempre grata.

Quali sono i fotografi del passato e del presente che più apprezzi?
Sicuramente Steve McCurry, Ferdinando Scianna, Giacomelli, Francesco Cito. Mi sento però ancora povera di conoscenza in quest’ambito! Diciamo che è come se stessi frequentando la scuola dell’infanzia... quindi devo ancora farne di strada.

Che attrezzatura fotografica hai usato nel passato, e quale stai attualmente utilizzando?
Il mio primo amore è stata la 350Canon con obiettivo 50mm (in prestito). L’entusiasmo mi ha spinta ad acquistare una Canon 1000 con in dotazione il 18-55mm. Successivamente ho preso il cinquantino e adesso con mia grande gioia posseggo una Canon 7D a cui ho aggiunto il 70-300 e il 17-50 2.8.

Qual è lo scatto al quale sei particolarmente legata?
Questa è stata una delle prime foto che ho timidamente postato sul web! Non ho un vero e proprio legame con questo scatto, semplicemente mi piace tanto.


Quali sono i tuoi progetti attuali e quali quelli per il futuro?
Non so se i miei possono definirsi progetti. Quello che desidero è imparare. Il futuro? Quello verrà da se!!!

Hai mai esposto le tue immagini in mostre fotografiche personali o collettive?
Ancora non ho esposto nessuna foto, ma con grande gioia sono stata selezionata per una mostra che si è tenuta a Lucca dal 28 al 1 maggio 2012. La mostra si intitola "Micromosso Presenta" ed ha visto esposto un mio portfolio intitolato "così scorre il tempo". Questo è il link.

Hai mai avuto riconoscimenti in concorsi fotografici o pubblicazioni delle tue foto su libri o riviste?
Nessun riconoscimento e a dir la verità nemmeno ci penso tanto! Partecipo ogni tanto a qualche concorso, ma sbadata come sono spesso me ne dimentico. Diciamo che mi piace il momento dello scatto, il resto scivola un po’ via.

Quanto tempo dedichi alla fotografia?
Il tempo che dedico alla foto è parecchio. Non c’è un giorno che non abbia a che fare con la foto (lettura, post produzione, scatti o visione di fotografie su internet). Ma non sta al primo posto nella mia vita! Strano a dirsi, ma è così! Non dirò mai che la foto mi riempie la vita perché non sarebbe corretto. L’amore, i miei familiari! Loro si che mi riempiono la vita e la foto è la cornice a tutto questo!

Quando rivedi i tuoi vecchi scatti cosa pensi?
Sorrido!!!

Dove sono pubblicate, sul web, le tue foto?
Pubblico le mie foto su Micromosso. Sono ormai mesi che mi sopportano e mi hanno definita "la donna dei tagli". Se volete capire perché, andate a vedere le mie foto.

Un pensiero a chi si avvicina ora al mondo della fotografia.
Fate come me: divertitevi!









Fotografie: © Antonella Catalano

Vuoi concludere con un saluto o un ringraziamento?
Desidero ringraziare la mia maestra di fotografia Lucia Pulvirenti per la sua costante presenza e per l’entusiasmo che ci mette con una testona come me nell’insegnarmi la "luce". Naturalmente un grazie a Libero per la possibilità che mi ha dato di raccontarmi e i mitici di Micromosso per la simpatia e i consigli che mi danno ormai da mesi.

Le interviste ai "Fotografi nel Web" sono una rubrica del blog: Dentro al Replay

9 commenti:

  1. Grande Antonella! Un bel racconto d'amore.
    Un caro saluto dalla grigia Lombardia.
    Con stima e amicizia.
    gigi bianconi

    RispondiElimina
  2. Bella storia, la tua, Antonella!
    Ti ho letto piacevolmente, scoprendo una bella persona e una brava fotografa!
    Con stima,

    Susanna

    RispondiElimina
  3. Bello il tuo racconto, sincero e pieno d'amore per la fotografia e per la tua terra, ho avuto modo di vedere le tue foto esposte a Lucca e non posso fare altro che farti i complimenti.
    Ciao. Giuliano A Ravasio.

    RispondiElimina
  4. brava "Maestra" 10 +

    RispondiElimina
  5. Un piacere leggere un po' di piu' di te, avendoti conosciuta direttamente si e' confermato in me che sei una persona euforica e come tale ti comporti, cedo sia una bella caratteristica. Complimenti.

    Ciao.

    enrico (ventrix)

    RispondiElimina
  6. grazie davvero per aver dedicato del tempo a questo mio breve racconto !!!! grazie col cuore
    Antonella

    RispondiElimina
  7. Sono davvero felice di conoscerti meglio Antonella.

    La persona la cui conoscenza ho approfondito,
    proprio quella bella che avevo percepito,
    mi piace molto.

    Sono andato pure a riascoltarmi "Cyrano"

    Un caro saluto alla ragazza ed alla fotografa,
    ambedue in gamba :-)
    saro

    RispondiElimina
  8. Un vero piacere conoscerti un po di più, "amante della fotografia"? modesta!
    Paolo

    RispondiElimina
  9. grazie Enrico, Saro e Paolo:-)))))

    RispondiElimina